Responsabile sito Dott. Giuseppe Montefrancesco

Strada delle Scotte, 6
53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

SEGUICI SU

La scienza dell’amore

 

Una relazione affettiva duratura è caratterizzata da due elementi principali: il desiderio sessuale e l’amore romantico.

Il desiderio sessuale denota una spinta verso l’oggetto desiderato e/o verso un’attività sessuale; per amore romantico intendiamo invece l’insieme di quei sentimenti che portano all’infatuazione e successivamente all’attaccamento intimo tra i due partner. Certamente i sentimenti associati all’amore romantico sono intrecciati con il desiderio sessuale.

L’amore romantico è associato ad elevati livelli di dopamina e/o norepinefrina all’interno di una specifica regione cerebrale: l’area tegmentale ventrale (VTA). Tale area, implicata nel sistema di ricompensa del cervello (reward system), rappresenta la via dopaminergica principale, che con i suoi prolungamenti, distribuisce dopamina verso molte aree cerebrali.

La dopamina produce attenzione focalizzata, un’intensa energia, motivazione ad ottenere una determinata ricompensa e sensazioni di euforia, perfino mania; tutte manifestazioni dell’amore romantico.

Il desiderio sessuale è associato invece ad elevati livelli di androgeni (testosterone in primis) sia negli uomini che nelle donne.

Ciascuna fase dell’innamoramento viaggia dunque lungo percorsi diversi, associandosi a sostanze chimiche particolari e a comportamenti specifici; ad esempio una fase dell’amore romantico, l’attaccamento, caratterizzato da sensazioni di pace, sicurezza e forte unione con il partner, ha come protagonisti gli ormoni ossitocina e vasopressina.

tutti i video

 


Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

*

Icons made by Freepik, OCHA, Puppets from www.flaticon.com is licensed by CC BY 3.0
Vai alla barra degli strumenti